Torna alla legislazione italiana

legislazione italiana
di diritto della navigazione e dei trasporti


Decreto Legge 13 maggio 2011 , n. 70

"Semestre Europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia."

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 110 del 13 maggio 2011

Testo coordinato con la legge di conversione 10 luglio 2011, n. 106

(In corsivo le parti modificate o introdotte dalla legge di conversione.
Omesse dal testo le parti non riguardanti il diritto dei trasporti e della navigazione).




Art. 1
 Credito di imposta per la ricerca scientifica

(omissis)

Art. 2
Credito d'imposta per nuovo lavoro stabile nel Mezzogiorno

(omissis)

Art. 2 bis
Credito d'imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno

(omissis)

Art. 3
Reti d'impresa, «Zone a burocrazia zero», distretti turistici, nautica da diporto

(omissis)

 7. Per semplificare gli adempimenti amministrativi relativi alla navigazione da diporto per scopi commerciali ed alla realizzazione di pontili galleggianti a carattere stagionale, al Codice della nautica da diporto di cui decreto legislativo 18 luglio 2005, n.171, i commi 1 e 2 dell'articolo 1 sono sostituiti dai seguenti:

 «1. Le disposizioni del presente codice si applicano alla navigazione da diporto, anche se esercitata per fini commerciali mediante le unità da diporto di cui all'articolo 3 del presente codice, ivi comprese le navi di cui all'articolo 3 della legge 8 luglio 2003, n. 172.

 2. Ai fini del presente codice si intende per navigazione da diporto quella effettuata in acque marittime ed interne a scopi sportivi o ricreativi e senza fine di lucro, nonché quella esercitata a scopi commerciali, anche mediante le navi di cui all'articolo 3 della legge 8 luglio 2003, n. 172, ferma restando la disciplina ivi prevista.».

 8. Per incentivare la realizzazione di porti e approdi turistici e razionalizzare il procedimento di rilascio delle relative concessioni demaniali marittime:

 a) all'articolo 5, della legge 28 gennaio 1994, n. 84, dopo il comma 2, è inserito il seguente:

 «2-bis. Nel caso di strutture o ambiti idonei, allo stato sottoutilizzati o non diversamente utilizzabili per funzioni portuali di preminente interesse pubblico, nella predisposizione del piano regolatore portuale, deve essere valutata, con priorita', la possibile finalizzazione delle predette strutture ed ambiti ad approdi turistici come definiti dall'articolo 2 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 2 dicembre 1997, n. 509.»;

 b) ferma restando la disciplina relativa all'attribuzione di beni a regioni ed enti locali in base alla legge 5 maggio 2009, n. 42, nonché alle rispettive norme di attuazione, al procedimento di revisione del quadro normativo in materia di rilascio delle concessioni demaniali marittime per le strutture portuali di cui all'articolo 2, comma 1, lettere a) e b), del decreto del Presidente della Repubblica 2 dicembre 1997, n. 509, si applicano i criteri e le modalita' di affidamento appositamente definiti nell'ambito dell'intesa raggiunta ai sensi dell'articolo 1, comma 18, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25, in sede di conferenza Stato - Regioni.

 Art. 4
Costruzione delle opere pubbliche

(omissis)

Art. 5
Costruzioni private

  (omissis)

Art. 6
Ulteriori riduzione e semplificazioni degli adempimenti burocratici

1. Per ridurre gli oneri derivanti dalla normativa vigente e gravanti in particolare sulle piccole e medie imprese sono apportate con il seguente provvedimento, operativo in una logica che troverà ulteriore sviluppo, le modificazioni che seguono:

 (omissis)

 c) riduzione degli adempimenti concernenti l'utilizzo di piccoli serbatoi di GPL;

 (omissis)

 e) per i trasporti eccezionali l'attuale autorizzazione prevista per ciascun trasporto e' sostituita, per i trasporti della medesima tipologia ripetuti nel tempo, da un'autorizzazione periodica da rilasciarsi con modalita' semplificata;

 (omissis)

 f-bis) garanzia della tutela della sicurezza stradale e della regolarita' del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi.

(omissis)

 Art. 7
 Semplificazione fiscale

 
(omissis)

Art. 8
 Impresa e Credito
 

(omissis)

Art. 8 bis
Cancellazione di segnalazioni dei ritardi di pagamento
 

(omissis)

Art. 9
Scuola e merito

 
(omissis)

 Art. 10
Servizi ai cittadini

(omissis)
 
Art. 11
Disposizioni finanziarie
 

 (omissis)

Art. 12
Entrata in vigore

Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sara' presentato alle Camere per la conversione in legge.


 
(testo a cura di Enzo Fogliani

 (pagina aggiornata il 26.7.2011)
(n.b:  salvo se diversamente indicato, la data di aggiornamento della pagina si riferisce alla mera modifica della pagina html messa in linea, e non implica che il testo normativo sia aggiornato a tale data. L'eventuale aggiornamento del testo normativo operato da norme successive, se riportato nel testo, è indicato appena dopo il titolo della legge.)  


Motore di ricerca:


       Studio legale Fogliani            Tutela del passeggero                Studio legale De Marzi          Diritto del turismo